ChatBotRevolution [Part 4]: I migliori strumenti per costruire un Chatbot in pochi passi.

Come si realizza un chatbot? Quali strumenti utilizzare e quanto costa farlo? Ecco le risposte a tutte le tue domande
4 articolo CHATBOT per sito
17 Luglio 2017
Eccoci giunti alla quarta ed ultima puntata di #ChatBotRevolution, la guida più completa a livello italiano sul mondo dei chatbot. 

Il nostro percorso è iniziato col chiedersi quali fossero i trend responsabili dell'avvento dei chatbot, traendone alcune interessanti conclusioni, per proseguire poi col rispondere in maniera più esaustiva possibile a domande quali: cosa sono? Perché un'azienda dovrebbe dialogare attraverso un chatbot con i propri clienti? Quali sono le piattaforme ad oggi disponibili?

Nella scorsa puntata abbiamo focalizzato l'attenzione sui chatbot che si appoggiano alla piattaforma di Facebook Messenger, dando degli spunti per promuovere il proprio chatbot e entrando nello specifico per capire perché potrebbero essere una soluzione vincente nella comunicazione business-to-consumer.

In questo ultimo articolo andremo ad approfondire gli aspetti più concreti e tangibili dell'universo chatbot: daremo dei consigli pratici per chi ha compreso la grande opportunità che si cela dietro il loro utilizzo e desidera integrarli come strumento per il proprio business. Procederemo quindi con l'analizzare gli specifici strumenti ad oggi esistenti per crearli e gli annessi costi

Partiamo!

1. Target, obiettivi e strategia

Prima di addentrarci negli ultimi consigli a livello operativo, crediamo sia utile fermarsi un attimo e riflettere ancora una volta sui tre punti più importanti quando intraprendiamo una qualsiasi operazione di marketing: il target, i nostri obiettivi e la strategia che vogliamo adottare per perseguirli.

Come evidenziato nel secondo articolo, i chatbot possono essere utilizzati per vari scopi: gestione di eventi, congressi e manifestazioni, commerce, customer care e offerta di informazioni. Se il tuo obiettivo di marketing rientra tra questi quattro allora un chatbot potrebbe esserti davvero utile.

Altro punto: chi sono i tuoi clienti? In che piattaforma sono maggiormente presenti? Abbiamo detto che i chatbot di Facebook Messenger sono i più diffusi al momento nel contesto nazionale. Prima di realizzarne uno chiediti se il tuo pubblico obiettivo è presente sul social network e verificalo. Inoltre, il tuo business ha già una pagina Facebook aziendale? Se non ce l'ha, rifletti attentamente se i motivi per cui ad oggi non l'hai ancora creata potrebbero essere gli stessi per cui un chatbot avrebbe difficoltà a funzionare.

Infine pensa ad una strategia ben precisa: prima di programmare il chatbot, rifletti attentamente su come vorresti strutturarlo e stendi una bozza. Quali informazioni vuoi dare? Perché le vuoi dare? Sono interessanti per il tuo target? Costituiscono un valore aggiunto? Potrebbe aumentare la loro soddisfazione ed aiutarti nel processo di fidelizzazione?

Lo sappiamo, sono tante domande alle quali ci vuole tempo a rispondere, ma se davvero vogliamo usare un mezzo così potente nella maniera più giusta, in modo che ci porti dei reali risultati, è fondamentale rispondere prima a tutti questi quesiti e formulare un'attenta strategia di marketing.

2. Let's start! Quali possibilità abbiamo?

Una volta appurata la nostra strategia, non ci resta che capire come procedere per realizzarla. A seconda dei tuoi obiettivi e del budget/mezzi/capacità a tua disposizione ci sono tra principali possibilità.

  1. Elevate conoscenze tecniche e budget elevato: questa prima possibilità è rivolta a tutti coloro che sono dei veri e propri sviluppatori. Facebook, per esempio, mette a disposizione delle API che i tecnici possono utilizzare per sviluppare il proprio chatbot in maniera estremamente personalizzata. Il vantaggio è sicuramente quello di confezionare il bot proprio come lo desideri tu, il contro principale è l'elevato costo, per coloro che non hanno competenze tecniche e devono pagare una persona per construirlo (parliamo di alcune migliaia di euro). Un altro svantaggio di questa prima possibilità è che una volta creato il chatbot deve essere manutenuto, non si aggiorna automaticamente, rendendo tutto molto più complesso.

  2. Medie conoscenze tecniche e di logica: esistono alcuni servizi esteri che semplificano il lavoro di creazione del chatbot, ma rimangono ancora un po' complessi per chi non ha alcuna competenza tecnica.\ Il tool più conosciuto ed utilizzato è Chatfuel: questa piattaforma offre la possibilità di comporre il proprio chatbot partendo da una schermata abbastanza intuitiva, in cui andare a personalizzare i vari blocchi che andranno a costituire il bot. Il servizio offre funzioni avanzate e ci sono diverse possibilità di sviluppo. Se si è in grado di gestirlo, il servizio è gratuito. Provate a farvi un giro nella piattaforma: come potrete constatare alcune funzionalità e passaggi sono immediati, altri meno. Infatti Chatfuel mette a disposizione degli utenti due Tutorial, uno Basic e l'altro Advanced, proprio per evitare che a metà dell'opera qualcuno si scoraggi ed abbandoni l'idea di creare il proprio bot.

  3. Soluzione chiavi in mano -- nessuna conoscenza tecnica: l'ultima possibilità per realizzare il proprio chatbot è l'utilizzo di piattaforme con soluzioni già pronte per il business. Cosa si intende? Questi servizi, dei quali il nostro BotBuilder è uno dei primissimi, possiedono dei template già "preconfezionati" a seconda dell'obiettivo del chatbot stesso. Per esempio, BotBuilder ha due principali modelli: Eventi e Conferenze e Negozi ed Attività. Il primo è dedicato al mondo degli eventi, il secondo al sostegno di attività, dal commerce vero e proprio alla lead generation.
    Il maggior vantaggio di questa soluzione è quello di realizzare un chatbot in dieci minuti, partendo da un modello e caricando con estrema semplicità testi, immagini e pulsanti a tuo piacimento, senza inserire una riga di codice. Inoltre, anche a livello di costi si parla di decine, massimo un centinaio di euro, sicuramente una spesa affrontabile, con il vantaggio di non perdere tempo per costruirlo e gestirlo. Un'altra cosa importante, infatti, è che nel momento in cui Facebook Messenger lancia degli aggiornamenti, il proprietario del chatbot non si dovrà preoccupare di nulla, ci penserà il servizio ad aggiornare tutte le caratteristiche del bot in maniera adeguata. In tale modo il tuo chatbot sarà sempre aggiornato e conterrà le ultimissime novità senza che tu debba fare nulla. Il contro? Non vi è un'elevata personalizzazione come quando si costruisce un chatbot scrivendo le righe di codice: ci sono dei compiti limitati che i chatbot "chiavi in mano" possono svolgere.

3. Quale possibilità scegliere?

In conclusione, ci sono diverse modalità per sviluppare un chatbot da zero. Se la tua è una grande azienda, hai un elevato budget a disposizione e credi che davvero il chatbot possa essere un vantaggioso strumento per migliorare il tuo business, allora il nostro consiglio è di spendere alcune migliaia di euro e costruire un chatbot personalizzato ad hoc per la tua attività. Un esempio? Elen, il chatbot di Enel, è il nuovo assistente digitale della corporate, parla tre lingue (italiano, inglese, spagnolo) e ha il compito di semplificare la relazione quotidiana con i principali stakeholder.

Se invece parliamo di piccole e medie realtà, l'avere un servizio che dia la possibilità di costruire un chatbot in pochissimo tempo ad un costo veramente esiguo è la soluzione ottimale. In tal modo i clienti saranno soddisfatti perché riceveranno delle informazioni utili nel momento stesso in cui le chiederanno o ne avranno bisogno, mentre il proprietario dell'attività o gestore dell'evento sarà sollevato dal compito di inviare informazioni, affidando in automatico questo onere al chatbot.

Qualche domanda?

La nostra guida sul mondo dei chatbot si conclude qui. Abbiamo cercato di affrontare questa grande innovazione sotto diversi punti di vista, dai più markettari e legati alla comunicazione, ai più tecnici ed operativi. Se Ti rimane ancora qualche curiosità riguardo questo mondo, non esitare a contattarci chiamando allo 0439 30419 o scrivendoci a assistenza@smshosting.it

Ricevi aggiornamenti e novità
con la nostra newsletter!
Prova gratis senza vincoli
Promo +10% Extra Credito SMS
fino a fine mese.